Exemple

Montecassino, la storia e l’arte

L’Abbazia di Montecassino fu fondata nel 529 da San Benedetto che fondò il primo nucleo sull’acropoli dell’antica Casinum, oggi Cassino. Il paganesimo era ancora presente, ma egli riuscì a trasformare questo luogo in un monastero Cristiano ben strutturato dove ognuno potesse avere la dignità che meritava, attraverso la preghiera e il lavoro.

Accanto alla Chiesa di San Martino erano stati costruiti gli alloggi e la Torre a due piani con la cella di Benedetto. San Benedetto lasciò una regola, Orat e Labora, libro che comprende le norme per la vita monastica.
L’abbazia di Montecassino fu distrutta quattro volte ed è sempre rinata più forte delle sue rovine

Nel corso dei secoli l’Abbazia è stata distrutta quattro volete ed è sempre rinata più forte dalle sue rovine. Nel 577 la distrussero i Longobardi, poi nell’887 i Saraceni. Nel 1349 ci fu un terrible terremoto e nel febbraio 1944 un bombardamento la rase al suolo.

Testimonianze storiche del più alto interesse e di sicura validità sono state raccolte e tramandate a Montecassino: dai primi preziosi documenti in lingua volgare ai famosi codici miniati cassinesi, ai preziosi e rarissimi incunaboli. Il più illustre dei suoi abati fu forse Desiderio – il futuro papa Vittore III (sepolto nell’abbazia stessa) – che alla fine dell’XI secolo fece ricostruire completamente l’abbazia ed ornò la chiesa di preziosissimi affreschi e mosaici, il cui riflesso si può ancora oggi scorgere in quelli che lo stesso abate fece eseguire in Sant’Angelo in Formis.

Nel 787 Carlo Magno visitò l’Abbazia, confermò l’autonomia dei monaci nella scelta del loro Abate e copia la Regola benedettina che diventerà successivamente obbligatoria in tutti i monasteri carolingi.
Nel Seicento l’Abbazia di Montecassino divenne un luogo d’incontro dei principali pittori della Scuola Napoletana

L’Abbazia assunse nel XVII secolo l’aspetto tipico di un monumento barocco napoletano, grazie anche alle decorazioni pittoriche di numerosi artisti tra i quali Luca Giordano, Francesco Solimena, Francesco de Mura e altri.

Al centro dellla Linea Gustav, l’Abbazia fu distrutta da un poderoso bombardamento degli Angloamericani il 15 febbraio 1944.

La ricostruzione, iniziata subito dopo la fine della guerra, ha mirato ad una riproduzione esatta delle architetture distrutte.

Nel corso del tempo, le varie ricostruzioni del monastero hanno dato al suo aspetto molteplici caratteri e stili. E possibile riconoscere l’espressione tardo rinascimentale e il periodo barocco. Dopo distruzione del 1944, una complicata opera di riedificazione ha cercato di restituire all’abbazia il suo aspetto originario.
Basandosi secondo il progetto iniziale – caratterizzato dalla pianta rettangolare aperta sul disegno dei tre chiostri con la Basilica a tre navate – l’edificio fu in seguito ricostruito cercando di rispettare fedelmente lo stile seicentesco.

Attualmente l’abbazia comprende: il Chiostro d’ingresso, il Chiostro del Bramante e il Chiostro dei Benefattori, che comunicano tra loro.
Nel Chiostro d’ingresso sorgeva il tempio consacrato ad Apollo, S. Benedetto lo riadattò a oratorio dedicandolo a S.Martino. Al centro del giardino una scultura rappresenta l’episodio della morte di S. Benedetto.
Il Chiostro del Bramante, di stile rinascimentale, è stato costruito nel 1595. Al centro è situata una cisterna ottagonale, fiancheggiata da colonne corinzie che sostengono la trabeazione.Ai piedi della scalinata si trovano due statue: a sinistra S. Benedetto, pezzo originale del 1736, a destra S. Scolastica, una copia.
Il Chiostro dei Benefattori fu realizzato nel 1513, probabilmente su disegno di Antonio di Sangallo il giovane. Sono presenti statue di papi e sovrani che, nel corso dei secoli, hanno contribuito generosamente alla vita del santuario.

Ogni giorno migliaia di pellegrini e visitatori da tutto il mondo varcano questa soglia. Attraversano silenziosamente i chiostri e poi salgono la grande scalinata fino alla Basilica, alla tomba di San Benedetto e Santa Scolastica.

Ma è nel museo di Montecassino che alla fine i visitatori possono vedere magnifici quadri, meravigliosi manoscritti e libri antichi; possono ripercorrere la storia dell’Abbazia.

You must be logged in to post a comment.

RSS Montecassino.net

  • L’Abbazia di Montecassino riapre al pubblico il 31 maggio
    Sarà il 31 Maggio, domenica di Pentecoste, il giorno della riapertura dell’Abbazia di Montecassino dopo il lockdown dovuto all’emergenza sanitaria. Nella ricorrenza in cui l’Abate di […] L'articolo L’Abbazia di Montecassino riapre al pubblico il 31 maggio proviene da Montecassino.
  • 15 febbraio 1944, il bombardamento di Montecassino. L’abbazia benedettina rasa al suolo
    Tra le 9,28 e le ore 13.00 del 15 febbraio 1944,  239 bombardieri alleati, medi e pesanti sganciarono 453 tonnellate e mezza di bombe su Montecassino, […] L'articolo 15 febbraio 1944, il bombardamento di Montecassino. L’abbazia benedettina rasa al suolo proviene da Montecassino.
  • Montecassino: I giorni di San Benedetto dal 13 al 21 marzo
    Dal 13 al 21 marzo l’Abbazia di Montecassino e la Città di Cassino saranno teatro di un susseguirsi di eventi di carattere religioso, culturale, sportivo e […] L'articolo Montecassino: I giorni di San Benedetto dal 13 al 21 marzo proviene da Montecassino.
  • L’abbazia di Montecassino tra storia e arte
    L’Abbazia di Montecassino fu fondata nel 529 da San Benedetto che fondò il primo nucleo sull’acropoli dell’antica Casinum, oggi Cassino.  Il paganesimo era ancora presente, ma […] L'articolo L’abbazia di Montecassino tra storia e arte proviene da Montecassino.
  • I paesi della Valle del Liri
    Nella media Valle del Liri ci sono affascinanti borghi ricchi di storia e di uno straordinario patrimonio culturale, ambientale ed archeologico. Partendo dall’area più interna a […] L'articolo I paesi della Valle del Liri proviene da Montecassino.
  • Il percorso della Battaglia di Montecassino
    Il percorso della Battaglia di Montecassino inizia dal cmitero polacco fino al quota 593, Monte Calvario,  dove è collocato il monumento dedicato ai polacchi. Si estende […] L'articolo Il percorso della Battaglia di Montecassino proviene da Montecassino.
  • Le sorgenti del fiume Gari, uno spettacolo naturale nel centro della città di Cassino
    Le sorgenti del fiume Gari si trovano al  centro della città di Cassino, esattamente a piedi della Rocca Janula e sono considerate le più grandi d’Europa. […] L'articolo Le sorgenti del fiume Gari, uno spettacolo naturale nel centro della città di Cassino proviene da Montecassino.
  • Montecassino, mostra filatelica ” Dagli albori del Francobollo” fino al 10 marzo 2019
    L’Abbazia di Montecassino, in collaborazione con Poste Italiane inaugura sabato 3 novembre 2018 alle 10.30 l’ esposizione filatelica “Dagli albori del Francobollo”. Sarà possibile visitare l’esposizione […] L'articolo Montecassino, mostra filatelica ” Dagli albori del Francobollo” fino al 10 marzo 2019 proviene da Montecassino.
  • Il Cimitero polacco di Montecassino
    Il cimitero polacco si trova sulla sella piatta nota come “La Valle della Morte”, tra l’abbazia di Montecassino e Colle 593. Custodisce le salme di 1072 […] L'articolo Il Cimitero polacco di Montecassino proviene da Montecassino.
  • Nasce la Birra Peroni Montecassino, sarà prodotta nelle antiche masserie dell’Abbazia
    Nasce la Birra Peroni Montecassino prodotta nelle antiche masserie dell’Abbazia benedettina. La Birra Montecassino, attraverso la collaborazione fra diversi attori, ripristinerà le antiche tradizioni agricole di […] L'articolo Nasce la Birra Peroni Montecassino, sarà prodotta nelle antiche masserie dell’Abbazia proviene da Montecassino.

RSS Il Cronista

  • La battaglia di Piedimonte San Germano nei filmati dei cinegiornali britannici| Video
    A differenza del fronte di Cassino dove è stato realizzato molto materiale audiovisivo dai reparti specialistici della Quinta Armata, sul fronte della Linea Hitler non si riscontra tale produzione. Nell’analisi della documentazione audiovisiva presente negli archivi del N.A.R.A di Washington, del The National Archives di Londra, dell’Imperial War Museums di Londra e negli archivi dell’Associated […]
  • Il Bando del Premio nazionale “Monte Carmignano per l’Europa” 2020.
    Il Premio verrà conferito ad autori di opere storiografiche e divulgative e prevede quattro sezioni: saggistica, saggi brevi pubblicati in riviste o web magazine, Europa, libri o saggi di autori stranieri. C’è anche una sezione Campania, opere edite riguardanti la storia del territorio della Terra di Lavoro e della Campania. Le opere dovranno essere inviate […]
  • Gaetano De Angelis Curtis è il nuovo direttore dell’Historiale di Cassino
    “Il Prof. Gaetano De Angelis Curtis è la migliore proposta che la città di Cassino potesse esprimere per questo ruolo specifico”, ha detto Danilo Grossi, Assessore alla Cultura del Comune di Cassino, nell’annunciare il nuovo direttore del Museo Historiale. “Il suo curriculum, il suo rapporto con la ricerca storica della città di Cassino, i rapporti […]
  • 1927, si gira a Trivigliano “l’Angelo ferito”. La storia di Lina, la bella frascatana, rapita per amore. Corrado Alvaro e Filoteo Alberini ospiti a casa Lattanzi
    Il millenovecentoventisette è l’anno in cui il fascismo obbliga i giovanotti a prendere moglie; in cui viene eseguita in America la condanna a morte di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti; in cui al Torino viene revocato lo scudetto 1926-27 in seguito alla scoperta della corruzione di un giocatore juventino ad opera di un dirigente granata. […]
  • LA FAMIGLIA LATTANZI DI TRIVIGLIANO
    Lo storico e giornalista Pino Pelloni ricostruisce il ramo della famiglia materna dei Lattanzi. A partire da Nicola nato nel 1665 la famiglia Lattanzi è ramificata nell’intero territorio della provincia di Frosinone. Queste brevi notizie storiche dei Lattanzi di Trivigliano, collazionate e redatte dalla paziente opera di Luigi Sassi (figliolo di Valeria Lattanzi, figlia di […]