Exemple

La cittadinanza di Piedimonte S.G.non viene informata della cerimonia in memoria dei soldati polacchi

COMUNICATO STAMPA

L’Associazione di Promozione Sociale Antares esprime dispiacere ed amarezza per aver appreso dalla stampa locale che mercoledì 17 maggio 2017 una delegazione polacca si è recata a Piedimonte San Germano  per rendere omaggio ai soldati caduti nella battaglia per lo sfondamento della linea Hitler del maggio 1944.

La delegazione polacca era guidata dall’ Ambasciatore della Repubblica di Polonia in Italia, Tomasz Orłowski, il Ministro Jan Józef Kasprzyk, Capo dell`Ufficio per i Reduci di Guerra e Vittime di Persecuzioni e la senatrice Anna Maria Anders, figlia del generale Anders che ricostituì l’esercito polacco reclutando gli ex prigionieri provenienti dalla Siberia e con rigore ed intelligenza tattica conquistò prima Montecassino e poi Piedimonte San Germano. La delegazione polacca ha reso omaggio al monumento che ricorda i caduti civili e militari di tutte le guerre per poi celebrare la ricorrenza insieme ai reduci di guerra davanti al monumento che ricorda il sacrificio dei soldati di Anders

La comunità di Piedimonte San Germano è stata tenuta completamente all’oscuro della cerimonia e della presenza delle autorità polacche, non potendo in tal modo partecipare ed accogliere i rappresentanti del Governo polacco, il signor Ambasciatore e la figlia dell’indimenticabile generale Anders.

Non è stata data alcuna informazione nemmeno alle Associazioni culturali presenti sul territorio che rappresentano il tessuto sociale e civile della comunità di Piedimonte San Germano.

La stessa delegazione  il giorno dopo, 18 maggio 2017, si è recata a Montecassino per porgere l’omaggio ai soldati del Secondo corpo che hanno combattuto per conquistare l’Abbazia benedettina ed è stata accolta dall’autorità e da centinaia di persone che si sono recate al cimitero polacco per onorarne la memoria.

La cittadinanza di Piedimonte San Germano ha dato un segno di  assoluta indifferenza nei confronti dei rappresentati del Governo polacco ma soprattutto nell’onorare la memoria dei caduti,  non per propria responsabilità ma poiché  le istituzioni preposte non ha dato alcuna informazione.

L’Associazione Antares impegnata da oltre 10 anni  nello studio e ricerche sul periodo bellico  è stata sempre molto attiva ed ha contribuito in  maniera decisiva alla memoria storica nel ricordo del tragico sfollamento della popolazione civile e della dimenticata battaglia di Piedimonte che è costata il sacrificio dei soldati polacchi e dell’intero tessuto urbano cittadino, organizzando diverse iniziative, progetti editoriali e multimediali anche in collaborazione con le istituzioni polacche.

Sulla base di ciò l’Associazione Antares desidera esprimere dispiacere ed amarezza per non aver potuto accogliere al pari di altre associazioni e cittadini di Piedimonte,  i delegati polacchi.

L’Associazione Antares informa che nei prossimi giorni invierà un messaggio privato all’Ambasciatore polacco in Italia scusandosi a nome della cittadinanza di Piedimonte San Germano per la mancata partecipazione  della comunità spiegandone i motivi.

Piedimonte sg

You must be logged in to post a comment.

RSS Montecassino.net

RSS Il Cronista

  • Cassino 1944, bombe sull’Abbazia. Gli 80 anni della distruzione rievocati a Palazzo San Macuto-Camera dei deputati
    La Fondazione Giuseppe Levi Pelloni promuove una “lezione di storia” a piu’ voci, dedicata alla distruzione dell’abbazia di Montecassino, in occasione degli 80 anni della sua distruzione ad opera dei pesanti bombardamenti delle Forze Alleate il 15 febbraio del 1944. L’incontro, che si terrà venerdì16 febbraio, (ingresso ore 15) Sala del Refettorio di Palazzo San […]
  • Il Cdsc di Cassino chiede il conferimento delle medaglie d’oro al merito civile alle popolazioni locali
    Il presidente del Cdsc Cassino, Gaetano De Angelis- Curtis: In occasione dell’Ottantesimo anno del passaggio del fronte di guerra nel Cassinate (1944-2024) il Centro documentazione e studi cassinati-Aps auspica vivamente e chiede che sia dato un riconoscimento morale alle popolazioni locali, il più alto che può essere concesso dalla Repubblica Italiana con il conferimento delle […]
  • La giornata della Memoria della Fondazione Levi Pelloni
    Con le scuole di Valmontone, alla Sala Regina di Montecitorio, a Palazzo San Macuto e al Salone delle Adunate dell’Anmig a Roma E’ da quindici anni a questa parte che l’area didattica della Fondazione Giuseppe Levi Pelloni è presente con continuità, con il patrocinio dell’Ucei e in collaborazione con l’Accademia Internazionale Cartagine, nella celebrazione della […]
  • Il ricordo di Eugenio Maria Beranger, grande storico ed archeologo scomparso nel 2015
    A nove anni dalla scomparsa, avvenuta a Roma il 9 gennaio 2015, Il Cronista ricorda Eugenio Maria Beranger, storico e archeologo che aveva dedicato la sua vita professionale allo studio del Lazio Meridionale ed in particolare all’Alta Terra di Lavoro. . Fondatore e condirettore della nuova serie de Il Cronista, Eugenio Maria Beranger (Roma, 11 […]
  • Ad Arce la biblioteca del Novecento
    Libri, lasciti documentali, videoteca e una ricca emeroteca destinate al Centro Studi Bernardo Nardone dalla Fondazione Levi Pelloni Felice Vinci, Presidente onorario della Fondazione Levi Pelloni, ha annunciato pubblicamente nella Biblioteca della Camera dei Deputati di Palazzo San Macuto, in occasione della cerimonia del Premio FiuggiStoria 2023, come il CdA del sodalizio culturale, su proposta […]